Speciale manuali universitari

Tendenzialmente in vetrina non vengono inseriti i manuali molto specializzati/universitari che arrivano alla nostra redazione. Per dar loro risalto, avendo Leggere anche numerose biblioteche universitarie tra i propri clienti, abbiamo deciso di pubblicare delle bibliografie mensili contenti alcuni dei manuali passati per la redazione nel mese di marzo e non selezionati per la vetrina.

Trovi altri titoli nella bibliografia accessibile sul nostro sito

1

Gestione delle aziende turistiche (La)

Confalonieri, Marco
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Presentazione La domanda di prodotti turistici sta caratterizzandosi, negli ultimi anni, per una rapida evoluzione e ben precise richieste. Questa accelerazione è conosciuta sul versante dell’offerta e i tradizionali e principali operatori della ricettività e dell’intermediazione stanno adeguandosi per poter fornire prodotti in linea con le esigenze dei fruitori. Ne è un esempio emblematico la tendenza al nuovo modo di concepire la vacanza: non più di lunga durata e concentrata in specifici periodi dell’anno, ma suddivisa nel corso dell’anno e costituita da “long weekend”, al massimo da singole settimane, replicate ogni tre-quattro mesi. L’evoluzione non è però limitata alla durata temporale della vacanza, ma riguarda anche l’obbiettivo del viaggio; in particolare il ruolo del turista non è più passivo (“vado in una determinata località”) bensì interattivo (“vado a fare qualcosa in quella determinata località”). Anche in relazione alle modalità di scelta dei “fornitori di viaggi” il comportamento del consumatore finale si è fatto più raffinato ed aggressivo grazie all’utilizzo delle ben note tecnologie informatiche. A fronte di un così deciso cambiamento dei gusti e delle modalità di fruizione del prodotto turistico, necessariamente l’offerta si è dovuta adeguare segmentando la domanda e proponendo, ad esempio nel settore ricettivo, strutture a tema (il benessere, la natura, lo sport, la sostenibilità, ecc.) e iniziative tali da ridurne la stagionalità. Invece nella tradizionale intermediazione si è assistito ad un maggiore utilizzo dello strumento informatico per “catturare” clienti altrimenti decisamente indirizzati verso una modalità solamente “on-line”. Da quanto sopraesposto appaiono evidenti le difficoltà e spesso le contraddizioni connesse al fatto di operare in un ambito in continua evoluzione come quello del turismo, ma sicuramente conoscere le più importanti tematiche ad esso relative permette alle aziende, agli enti pubblici, agli operatori e in ultima analisi anche ai turisti di affrontare con maggiore coscienza una realtà sempre più variegata; in definitiva domanda e offerta più che rappresentare due mondi distanti che si confrontano e si affrontano finiscono per essere essenziali elementi al fine di un costante miglioramento del prodotto turistico. Si è poi voluto, nel titolo di questo volume, porre l’accento sul fatto che convivono nel settore turistico aziende di produzione, essenzialmente di servizi, e non solo imprese in quanto vi è una presenza, accanto a soggetti il cui fine è strettamente economico, di aziende pubbliche ed enti no profit con differenti finalità, ma che comunque danno, o possono fornire, un significativo apporto nella predisposizione di un prodotto turistico sempre più complesso. In un quadro così variegato e in rapido mutamento il presente volume, che rappresenta un’evoluzione di miei precedenti lavori, ha voluto rappresentare, inizialmente, alcuni fenomeni di ampia portata quali la domanda, l’offerta, il mercato turistico e i soggetti pubblici che lo regolamentano (capitoli dal primo al quinto), elementi, come abbiamo già sottolineato, che incidono significativamente sulle decisioni e le strategie delle aziende turistiche. Successivamente (capitolo sesto) è stato dato ampio spazio ad aspetti decisionali connessi a fenomeni quantitativi, in particolare prezzi e costi, di rilevante importanza nelle imprese, in qualsiasi settore economico di riferimento, ma con si- gnificative peculiarità per quelle del comparto turistico. Infine vengono affrontati, nei vari capitoli, le principali caratteristiche aziendali, gestionali, organizzative e di bilancio di alcune emblematiche realtà del settore turistico; il riferimento è alle aziende alberghiere, ai tour operator e alle agenzie di viaggio, nonché ad imprese la cui presenza nell’ambito del turismo è sempre più incisiva e in tal caso l’esame è diretto verso forme alternative di ospitalità, all’attività congressuale e alle imprese crocieristiche. Va inoltre sottolineato come nell’ambito dell’analisi delle caratteristiche gestionali delle varie tipologie di imprese è stata data ampia enfasi alle strategie di crescita dimensionale attuate con le più ricorrenti forme di aggregazione, quali acquisizioni e accordi equity e contrattuali, fra le aziende dell’ambito turistico. Al momento della stampa del presente volume, la pandemia relativa al Covid-19 è tuttora in essere; i riflessi negativi sul settore turistico sono già ben evidenti e sicuramente incideranno significativamente, nei prossimi anni, sulla domanda e sull’offerta turistica, aprendo nuove prospettive e considerando la necessità di importanti riconversioni. L’AUTORE
2

Ai margini della dissenting opinion. Lo «strano caso» della sostituzione del relatore nel giudizio costituzionale

Caravita, Beniamino
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Quante volte è accaduto nel giudizio costituzionale che il giudice relatore non ha redatto la decisione? E, soprattutto, quante volte non ha voluto redigerla? E, infine, si può ancora definire questa evenienza "rara"? È questa veramente una «ipotesi estrema in cui entrano in campo ragioni di coscienza giuridica o di coscienza senza aggettivi e si ritenga necessario, per ragioni di onorabilità (prossime alla tentazione di dimissioni dal Collegio) di dover far rilevare la propria estraneità ad una determinata decisione»? Oppure rimane una vicenda di cui è difficile tracciare le coordinate, costituendo solo una scoordinata, casuale e individualistica forma di dissenting opinion? Ferma tenendo la distinzione di questo fenomeno, istituzionalizzato, dal c.d. dissent, è opportuno fare una prima indagine di tipo quantitativo, che tuttora non è stata svolta in modo soddisfacente, giacché ogni volta è difficile orientarsi nella lettura delle decisioni della Corte. Ad un primo conto, salve omissioni, errori, dimenticanze, i casi ufficiali (cioè registrati e riscontrabili attraverso le indicazioni che si ricavano dall'epigrafe, ovvero dalla sottoscrizione della sentenza) sembrerebbero, dal 1988 ad oggi, 87 : non tantissimi, specie se paragonati alla quantità di decisioni rese dalla Corte nel periodo 1988-2020, pari a 14.691, ma nemmeno una quantité negligeable, specie se si considera che si tratta di un fenomeno stabile negli ultimi tre decenni (26 casi di sostituzione si sono verificati tra il 2010 e il 2020, 29 tra il 2000 e il 2009, 32 risalgono al periodo 1988-1999). Ma una lettura quantitativa non basta, se non è accompagnata da un'analisi concreta e puntuale dei casi, esaminando le diverse questioni e tenendo nel dovuto conto le caratteristiche dei Presidenti e, soprattutto, dei giudici coinvolti. È quello che il testo si propone di fare, limitandosi a riportare con pochissimi commenti passi delle sentenze della Corte e qualche citazione di dottrina ed evitando di esprimere giudizi sul merito della questione, per cercare di individuare, se possibile, i punti di dissenso (se effettivamente esistenti) tra l'originario relatore e la maggioranza della Corte: i risultati non sono insignificanti e sono commentati, nel loro complesso, nel capitolo conclusivo, in cui si farà inevitabilmente riferimento al delicato tema della dissenting opinion, rispetto al quale la (apparentemente piccola) vicenda della sostituzione del relatore nella redazione della decisione è strettamente connessa e si trova in qualche modo ai suoi margini.
3

Responsabilità da prospetto (La)

Belotti, Andrea <1969- >
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Non molto tempo addietro ho avuto occasione di sottolineare come la tematica degli obblighi informativi correlati alla formazione dell’accordo contrattuale sia venuta prepotentemente emergendo solo in tempi relativamente recenti; in buona sostanza, in concomitanza con tre distinte circostanze: (I) l’esplodere della normativa di derivazione comunitaria in tema di contratti del consumatore, informata – come noto – al generale principio secondo cui “ai consumatori (…) sono riconosciuti come fondamentali i diritti (…) ad una adeguata informazione” (così si esprime l’art. 2, comma 2, lett. c), cod. cons.); (II) il proliferare di normative di settore a tutela di talune categorie di contraenti ritenute particolarmente esposte ai rischi correlati a quella che viene ormai comunemente definita come “asimmetria informativa” (si pensi, ad es., alla disciplina speciale dei contratti di intermediazione finanziaria: d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, t.u.f.; dei contratti bancari: artt. 115 ss., d.lgs. 1 settembre 1993, n. 385, t.u.b.; dei contratti di assicurazione: art. 120, d.lgs. 7 settembre 2005, n. 209, cod. assic.; dei contratti di affiliazione commerciale: artt. 4 e 6, legge 6 maggio 2004, n. 129; ecc.); (III) il sempre più ampio ricorso, da parte delle nostre corti, alle c.d. “clausole generali”: “correttezza”, “buona fede”, “diligenza”, “meritevolezza”, “illecito”, ecc
4

Fondamenti di tecnica delle costruzioni

[Mezzina M. (cur.)]
Editore: CittàStudi
Reparto SCIENZA E TECNOLOGIA
Sottoreparto TECNOLOGIA e SCIENZE APPLICATE
Il volume "Fondamenti di tecnica delle costruzioni" nasce con l'intento di colmare una lacuna nel panorama italiano, ma anche internazionale, in cui manca un testo che fornisca una visione unitaria e organica dell'argomento, proponendo una trattazione sistematica dei diversi sistemi costruttivi. Il panorama progettuale, infatti, è oggi estremamente variegato e versatile, soprattutto in un'epoca in cui si guarda sempre di più all'ottimizzazione e all'integrazione delle prestazioni strutturali, energetiche e produttive, oltre che all'uso efficiente e sostenibile dei diversi materiali nell'edilizia corrente e specialistica. Il testo, aggiornato al D.M. 17 gennaio 2018 e relativa Circolare applicativa e pensato non solo per i corsi inseriti nelle lauree triennali di Ingegneria e Architettura, di cui presenta in maniera completa tutti i contenuti richiesti, ma anche come linea guida e punto di partenza per le discipline caratterizzanti le lauree magistrali, è contraddistinto da una spiccata prospettiva didattica. Per ogni argomento, infatti, vengono sviluppati gli elementi teorici di base, comprensivi dei richiami alla Normativa tecnica, e sistematici inquadramenti applicativi dei sistemi costruttivi e dei loro aspetti pratici e di cantiere.
5

Lezioni di giustizia amministrativa. Vol. 1: Il giudice speciale

Ferrara, Leonardo
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Il volume ha una funzione introduttiva allo studio della giustizia amministrativa, rispondendo alle domande sul perché in Italia esista un giudice amministrativo e su quanto questo giudice sia speciale.
6

Progettazione tecnologica dell'architettura. Processo, progetto, costruzione. Con espansione online

Arbizzani, Eugenio
Editore: Maggioli Editore
Reparto SCIENZA E TECNOLOGIA
Sottoreparto TECNOLOGIA e SCIENZE APPLICATE
La pubblicazione fornisce un compendio sistematizzato di conoscenze sui problemi posti dalla progettazione tecnologica e dalla costruzione di un organismo architettonico. Gli strumenti di metodo e di informazione tecnica illustrati sono finalizzati alla migliore comprensione delle relazioni operative esistenti fra la progettazione di un edificio e il successivo momento esecutivo, fino alle fasi di uso, dismissione e riuso. Il testo è articolato in tre parti. Progetto. Nella prima parte viene affrontato il tema della progettazione tecnologica dei sistemi edilizi e delle tecniche costruttive, dei componenti innovativi e dei prodotti industriali per la costruzione. Le tecnologie del calcestruzzo, dell'acciaio, del vetro, del legno e le tecnologie a secco sono analizzate nei loro aspetti morfologici, prestazionali, di integrazione, e nelle mutue implicazioni progettuali e costruttive. L'evoluzione di materiali, tecniche e sistemi di produzione viene descritta in relazione alle più recenti sperimentazioni, spinte anche nel nostro Paese grazie a una maggiore consapevolezza ambientale e rese possibili dalle innovazioni progettuali e produttive oggi in campo. Processo. Nella seconda parte sono sintetizzate, in un quadro sinottico e in uno scenario evolutivo e circolare, le informazioni necessarie ad acquisire la consapevolezza del progetto di architettura come processo progettuale, caratterizzato da sequenze, ruoli degli operatori, metodologie e nuove strumentazioni operative e di ICT. La modellizzazione del processo edilizio si estende dalla programmazione, alla progettazione, alla costruzione e alla gestione, fino alla fase di dismissione, riciclo e riuso, attraverso la quale la circolarità del processo genera un nuovo episodio attuativo. Il testo è aggiornato nei riferimenti normativi fino ai più recenti recepimenti regolamentari in materia di contratti pubblici di opere, forniture e servizi di architettura e ingegneria. Prodotto. Nella terza parte il progetto viene considerato come prodotto del processo progettuale, illustrandone la articolazione in prodotti intermedi, via via più compiuti e dettagliati, fino a giungere al progetto esecutivo integrato, strumento di guida e di controllo della qualità architettonica, per garantire la costruzione dell'opera in conformità con gli intendimenti del committente e nel rispetto della sostenibilità economica, sociale ed ambientale. La rappresentazione grafica del progetto dà conto degli apparati codificati della comunicazione e dell'informazione tecnica, linguaggio comune fra tutti gli operatori coinvolti, con accenni alle nuove metodiche della modellazione digitale e ai digital twins per l'architettura. Il corposo apparato iconografico a corredo del testo (figure e schemi funzionali, disegni e dettagli costruttivi) è sistematizzato per argomenti e integrato con un gran numero di immagini di cantiere, che più compiutamente descrivono le fasi delle lavorazioni maggiormente incidenti sulla qualità costruttiva dell'organismo edilizio. Ciò con l'intento di portare nella documentazione tecnica a supporto del progettista la concretezza dell'atto costruttivo, in tutte le sue forme: reali e perciò imperfette. Nel supporto informatico, disponibile in cloud, sono contenuti 180 disegni e particolari costruttivi di architetture, in gran parte realizzate, organizzati secondo la codificazione del sistema tecnologico, avendo un diretto riferimento esemplificativo alla trattazione dei paragrafi della parte prima del testo.
7

Corso di diritto penale. Parte generale

Palazzo, Francesco
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Il Corso di diritto penale è un’opera manualistica destinata all’insegnamento della parte generale del diritto penale. Anche in questa ottava edizione è stata confermata la scelta metodologica di fondo secondo la quale princìpi e disciplina della materia sono affrontati in chiave critica e problematica, muovendo dalle esigenze sostanziali sottese alle norme. Complessità e mutevolezza caratterizzano oggi il diritto penale nella sua dimensione europea sul piano sia normativo che giurisprudenziale, imponendo di conseguenza uno speciale sforzo di sintesi e di chiarezza. In particolare, la nuova edizione dà conto delle importanti novità recentemente sopravvenute in tema, tra l’altro, di prescrizione del reato, legittima difesa, ergastolo, misure alternative alla detenzione.
8

Valore e performance VBMS, SPMS e modelli multidimensionali. Strumenti per il controllo strategico e operativo in contesti complessi

Comuzzi, Eugenio
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Per inquadrare il tema e gli obiettivi di questo lavoro può essere utile partire dall’osservazione delle motivazioni che ne hanno stimolato l’ideazione e la costruzione. In questo modo il lettore può valutare meglio il particolare taglio dato al lavoro e i contenuti specifici che lo caratterizzano. “Valore e performance. Misurazione e modelli multidimensionali” è un percorso che ha come tema centrale il valore economico e il suo controllo nelle imprese complesse. Esso si sviluppa intorno a concetti diversi, modelli e strumenti differenziati, technicalities e proposte di soluzione articolate e spesso contrastanti. La misurazione e il governo del valore rappresentano temi di grande attualità e interesse per studiosi e accademici, manager e stakeholders d’impresa. Molti sono i contributi che si sono occupati in tempi lontani e recenti e si occupano tuttora di “performance”, di “valore”, di “creazione e di conservazione del valore”, di “modelli e di leve per la gestione del valore aziendale” in contesti complessi. Si tratta di argomenti che, sia pure con obiettivi e piani di lavoro diversi, sono diventati oggetto di particolare trattazione sia accademica sia professionale. I concetti di valore e di performance non hanno pertanto molto di nuovo, visti i ripetuti riferimenti in lavori anche non molto recenti nel tempo. La novità, tuttavia, investe la complessità degli stessi, la non univocità dei loro contenuti, la marcata diversità delle loro interpretazioni, la molteplicità dei punti di osservazione intorno ad essi.
9

Trasformare case e quartieri

Lepratto, Fabio
Editore: Maggioli Editore
Reparto ARTE
Sottoreparto ARCHITETTURA e URBANISTICA
Ripensare edifici e quartieri residenziali realizzati nel secondo dopoguerra è una sfida cruciale per le città europee e un'opportunità inventiva per il progetto d'architettura e di disegno urbano. Negli ultimi vent'anni vi sono stati numerosi progetti per adeguare questi luoghi dell'abitare alle necessità attuali, in termini di requisiti ecologici e ambientali, dotazioni spaziali e funzionali, caratteri relazionali, espressioni figurative. Il libro guarda alle numerose realizzazioni avvenute in ambito europeo esercitando lo "sguardo del progettista", orientato allo studio delle trasformazioni fisiche. La prima parte, interpretare, sollecita riflessioni attraverso cui leggere i contesti originari e comprenderne le criticità e le potenzialità.  La seconda, trasformare, propone azioni per il progetto architettonico e urbano. La descrizione di 25 interventi realizzati è complementare alla presentazione di un abaco di soluzioni: una sequenza ordinata di operazioni combinabili finalizzate a provocare un immaginario e ad orientare trasformazioni future.
10

Progettazione strutturale antincendio. Come sviluppare analisi strutturali e verifiche di sicurezza in caso di incendio

Bontempi, Franco ; Aguinagalde, Alessandra;Petrini, Francesco <docente di ingegneria>
Editore: Flaccovio Dario
Reparto SCIENZA E TECNOLOGIA
Sottoreparto TECNOLOGIA e SCIENZE APPLICATE
Questo libro espone i concetti fondamentali per la progettazione strutturale in caso di incendio e presenta la metodologia per lo sviluppo delle analisi strutturali che ne sono alla base. Attraverso tali analisi si simula realisticamente il comportamento di una costruzione, se ne valuta la effettiva capacità portante con una impostazione prestazionale e se ne giudica la robustezza contro un'azione estrema come l'incendio. L'attenzione è rivolta particolarmente alle costruzioni in acciaio che, per la suscettibilità di questo materiale alle alte temperature, risultano in generale delicate in caso di incendio: in questo caso però, una oculata organizzazione degli elementi strutturali può condurre ad un idoneo sistema strutturale e proprio una corretta analisi può efficacemente supportare una progettazione economicamente vantaggiosa. Il presente libro riassume circa quindici anni di insegnamento, ricerca, consulenza e partecipazione a comitati normativi dei tre autori nel campo della progettazione strutturale antincendio e presenta precisi esempi sviluppati con il codice di calcolo commerciale Straus7.
11

Valutazione della robustezza di sistemi strutturali e geotecnici

Felitti, Matteo ; Oliveto, Francesco
Editore: Maggioli Editore
Reparto SCIENZA E TECNOLOGIA
Sottoreparto TECNOLOGIA e SCIENZE APPLICATE
La robustezza di un sistema strutturale e geotecnico è intesa, sostanzialmente, come la capacità di prevenire o ridurre le conseguenze derivanti da un evento locale (eccezionale e/o estremo). Il testo, suddiviso in due parti distinte per un'agevole consultazione, affronta con piglio autorevole e approccio operativo il tema - ancora oggi poco conosciuto - della valutazione del comportamento strutturale attraverso gli indici di robustezza. Tra i molteplici aspetti trattati, il manuale analizza, in dettaglio, il fenomeno del collasso progressivo, le forme con cui può manifestarsi ed i relativi meccanismi di innesco e propagazione, proponendo, poi, esempi di interventi di retrofitting per ottimizzare la risposta strutturale. Inoltre, vengono riportati, in maniera esaustiva, numerose applicazioni numeriche per la stima degli indici di robustezza, con particolare riferimento alle strutture esistenti in c.a., murature e opere geotecniche. Tali casi studio, rappresentano utili strumenti operativi per lo strutturista che si occupa di tali tematiche. Prefazione di Franco Bontempi e Ivo Caliò.
12

Manuale professionale di diritto penale tributario

[Salvini L. (cur.); Cagnola F. (cur.)]
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Le sanzioni penali per i reati fiscali in materia di imposte sui redditi, IVA e accise sono oggetto di questo volume di carattere multidisciplinare, in cui le singole tematiche sono affrontate in modo sinergico sotto il duplice punto di vista penale e tributario da specialisti delle due discipline. Tutte le fattispecie di reato sono analiticamente esaminate affrontando tanto gli aspetti sostanziali quanto quelli procedurali, nell'ottica dell'utilizzatore professionale (professionista, magistrato, altro operatore del settore) che ricerca l'inquadramento sistematico ma anche soluzioni concrete e un ricco apparato di riferimento dottrinario e giurisprudenziale. In particolare sono oggetto di commento tutte le norme del d.lgs. n. 74/2000, le nuove disposizioni del d.lgs. n. 231/2001 che hanno inserito i reati fiscali tra quelli presupposto per la responsabilità amministrativa degli enti, i riflessi penali della cooperative compliance, i reati in materia di accise, le norme in materia di autoriciclaggio applicate ai reati fiscali.
13

New space economy, ambiente, sviluppo sostenibile. Premesse al diritto aerospaziale dell'economia

Sanna, Grazia
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Solo alcuni decenni fa nessuno poteva immaginare il potenziale economico dello spazio e nessuno ipotizzava seriamente che l'umanità potesse un giorno stabilirvisi stabilmente; l’esplorazione e il suo utilizzo erano riservati alla sovranità statale e gli eventuali successi avrebbero rappresentato un avanzamento a beneficio dell'umanità intera. l trattati internazionali vigenti rispecchiano questa visione, ma il progressivo ingresso del settore privato con le sue comprensibili aspettative di profitto ha determinato un mutamento di prospettiva che è stato formalmente riconosciuto nella recente legislazione statunitense e lussemburghese. In tal modo, si sono prodotte le prime crepe nella trama giuridica che dagli anni '60 aveva disciplinato la materia ispirandosi al principio di non appropriazione e alla cooperazione. Inevitabilmente, l’incremento esponenziale delle attività spaziali ha prodotto sul “Quarto Ambiente” una serie di problematiche che impongono ai decisori politici la necessità di prendere in seria considerazione la sostenibilità a lungo termine dello sviluppo economico del settore.
14

Prova nel processo del lavoro (La)

[Marasca Massimo; Rinaldi Manuela]
Editore: Maggioli Editore
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
L'opera, mediante un approccio pratico e operativo, affronta le diverse tipologie di prova all'interno del processo del lavoro. In particolare, i singoli mezzi vengono analizzati in relazione ai diversi tipi di procedimento nei quali possono essere utilizzati: dal primo grado, passando per l'appello, giungendo poi in Cassazione, nonché nell'ambito dei procedimenti sommari di cognizione. L'analisi della casistica, nonché delle concrete applicazioni degli strumenti probatori rende il volume un valido supporto al professionista che debba scegliere quali strumenti utilizzare e come impiegarli nel costruire la propria strategia difensiva. Particolare attenzione è dedicata alla consulenza tecnica d'ufficio, quale mezzo di prova sempre più largamente utilizzato nell'ambito lavoristico, specialmente con riguardo alle condotte discriminatorie del datore ai danni dei propri dipendenti.
15

Economia politica del terzo settore

Amati, Francesco ; Musella, Marco;D'Acunto, Salvatore
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Anche se nell'ultimo ventennio l'attenzione nei confronti del fenomeno è nettamente cresciuta, il Terzo settore rappresenta ancora una sfida aperta per la teoria economica. I modelli interpretativi basati sul paradigma mainstream, che dipingono gli individui come agenti guidati da motivazioni egoistiche, fanno infatti fatica a render conto dell'esistenza e della vitalità di organizzazioni che non possono far leva, per mobilitare le risorse, né su strumenti coercitivi, né sulla lusinga del guadagno personale. Eppure il Terzo settore esiste e prospera a dispetto della sostanziale incomprensione della letteratura economica. Questo volume si propone di avvicinare i lettori alla conoscenza del Terzo settore attraverso un percorso articolato tra teoria economica, storia politica ed evoluzione istituzionale: vengono introdotte le nozioni base di microeconomia necessarie ad interpretare il funzionamento delle organizzazioni di Terzo settore; se ne ricostruisce il ruolo giocato nella complessa transizione dal modello di Welfare State ai modelli di Welfare Mix e Welfare Community; infine si delinea sinteticamente il quadro normativo che sta emergendo nel nostro Paese all'esito della ambiziosa operazione di riordino del settore avviata con la legge delega n. 106/2016.
16

Appello e cassazione. Come evitare gli errori

Caveri, Alberto ; Falco, Gianluca;Diana, Antonio Gerardo
Editore: Maggioli Editore
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Aggiornato con le prime novità legislative e giurisprudenziali 2021, il testo si configura come un supporto indispensabile per il giurista che deve affrontare il procedimento di appello e il ricorso per Cassazione. Di immediata comprensione, la trattazione fornisce al Professionista gli strumenti giuridici e le soluzioni applicative per elaborare la migliore strategia da adottare in sede di giudizio, evitando di incorrere in errori. In particolare l'opera contiene: focus che puntualizzano la questione in diritto; schemi e tavole sinottiche che riassumono i concetti in commento e gli aspetti processuali; quesiti giurisprudenziali posti alla fine di ciascun capitolo.
17

Libertà costituzionali e diritti fondamentali. Casi e materiali. Un itineriario giurisprudenziale

Politi, Fabrizio
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
La riflessione sulle libertà è chiamata a misurarsi all'interno di un orizzonte ampio e complesso in cui le singole questioni vengono inevitabilmente ad essere caratterizzate da elevata problematicità. Questo volume ha volutamente prescelto il terreno giurisprudenziale quale precipuo campo di misurazione del grado di effettività di tutela dei diritti fondamentali al fine di mettere in luce la storicità (più in generale del fenomeno giuridico, ma nello specifico) del percorso di affermazione delle libertà, la cui difesa costituisce il proprium del costituzionalismo moderno che è appunto "limitazione del potere" in funzione di tutela della libertà dei singoli (e dunque "dottrina delle libertà"). La ricostruzione degli itinerari argomentativi (a volte anche contraddittori) della giurisprudenza (soprattutto, ma non solo, costituzionale) evidenzia la "non necessarietà" di alcuni esiti ed anche l'opinabilità degli stessi. La consapevolezza della storicità dei processi di crescita e di consolidamento degli istituti di tutela delle libertà aiuta ad immergersi nella poliedricità delle singole questioni e soprattutto aiuta a comprendere che anche le dinamiche giurisprudenziali a loro volta sono lo specchio dei mutamenti di sensibilità sociale e dunque conseguenza di nuove impostazioni valoriali. Si riafferma così la necessità, nello studio dei diritti fondamentali, di un approccio aperto alle logiche - e dunque alle sfide - del pluralismo.
18

Rilievi di infortunistica stradale. Manuale operativo

Spinelli, Alessandro
Editore: Maggioli Editore
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Negli incidenti stradali la corretta ed attenta esecuzione degli accertamenti urgenti sui luoghi, sulle cose e sulle persone è fondamentale sia per la ricostruzione dell'evento sia per l'accertamento delle responsabilità. In questa prima fase la ricerca e l'individuazione delle fonti di prova deve essere il più possibile accurata e completa e l'investigatore deve avere chiara la rilevanza ed il significato dei dati e degli elementi che deve raccogliere ed assicurare. Per questo motivo, agli organi di polizia stradale, nell'espletamento di tale attività, è richiesta una sempre crescente attenzione e professionalità, a maggior ragione oggi con l'introduzione dei reati di omicidio stradale e di lesioni personali stradali gravi o gravissime che hanno visto un notevole inasprimento delle pene. Le finalità di quest'opera sono contenute nella locuzione "manuale operativo", che non vuole essere un altro testo che abbracci nel suo insieme l'ampia materia dell'infortunistica stradale, ma vuole offrire un valido strumento di supporto professionale a coloro che istituzionalmente sono chiamati ad eseguire i rilievi degli incidenti stradali ed a gestire le fasi successive. Vengono trattati sinteticamente gli aspetti civili e penali e, con riguardo alle norme contenute nel Codice della Strada, si esaminano le regole di comportamento che presentano uno stretto legame con la causazione degli incidenti e le violazioni che possono costituire le aggravanti dei reati di omicidio stradale e di lesioni personali stradali. Viene altresì approfondita la parte prettamente tecnica relativa al rilievo dell'incidente, nel rispetto delle modalità di esecuzione dettate dalla norma UNI 11472:2019, specificando le ragioni che richiedono l'acquisizione dei dati, illustrando gli adempimenti conseguenti, gli atti da redigere e le attività di polizia giudiziaria.
19

Approfondimenti di diritto del lavoro

[Pessi R. (cur.); Proia G. (cur.); Vallebona A. (cur.)]
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Le due ondate depressive del nuovo millennio (l’una connessa alla crisi dei mercati finanziari, l’altra alla più recente pandemia) ripropongono in altra dimensione ed in altro contesto gli effetti della rivoluzione industriale della fine del settecento e degli inizi dell’ottocento. Il rapido progresso di allora fu insieme sommovimento ed infine soppressione dei modelli di Stato preesistenti, nonché di tutti gli equilibri geopolitici; esso generò nuove classi sociali e diverse povertà e produsse conflitti e compromissioni in una dialettica crescente tra libertà di mercato e regolazione. Ora, da oltre trent’anni, il mondo è entrato in una nuova rivoluzione, la terza, quella tecnologica; essa sta generando conseguenze a tutt’oggi ancora imprevedibili, determinando un forte disequilibrio globale, sovvertendo anzitutto le gerarchie dei capitalismi nazionali. [Dal primo capitolo]
20

C.A.O.S model (The)

Paoloni, Paola
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
The relational dimension until now has been recognized as a distinctive factor of women in business. This work, on the other hand, aims to examine it from a business perspective, increasing an understanding of the implications associated with the development of relationships with external people, as well as the knowledge of the resources and contributions they can provide prior to the start-up phase of the company. This survey identifies, through the interpretative model of C.A.O.S., the nature of the needs, which are predominantly expressed by entrepreneurs in the SME dimensionand also looks at how they are met, with the aim of identifying more effective alternatives. The C.A.O.S. model (an Italian acronym for “caratteristiche personali, ambiente, organizzazione, and start-ups”) based on four variables: the personal characteristics of the entrepreneur, that identify the personal element (C), the environment in which the micro-enterprise operates, that identify the macro-economic element (A), the organizational and managerial aspects, that identify the micro-economic element (O), and the motivations for starting a new business and the particular stage in which the SME is observed, that identify the temporal element (S).
21

Processo tributario (Il)

Pistolesi, Francesco <1965- >
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Il processo tributario ha il fine di comporre i conflitti fra i contribuenti e gli enti impositori, assicurando la giusta imposizione, una funzione essenziale e delicata in ogni ordinamento democratico. La disciplina di questo giudizio riveste, quindi, un significativo rilievo dal punto di vista giuridico, sociale ed economico. Inoltre, i numeri delle liti pendenti - secondo gli ultimi dati disponibili, oltre 335mila dinanzi alle Commissioni tributarie e oltre 52mila di fronte alla Corte di Cassazione - testimoniano l'importanza di questo processo. Il volume, rivolto agli studenti universitari nonché ai difensori dei contribuenti e degli enti impositori, aspira a fornire una conoscenza completa del giudizio tributario nelle sue varie fasi e nei rapporti con gli altri processi, tenendo sempre conto degli orientamenti della giurisprudenza.
22

Forme del tributo nell'era industriale. Ascesa dell'imposta sul reddito e segni di un declino

Stevanato, Dario
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Che cosa ha determinato la transizione dai tributi a base patrimoniale e indiziaria, diffusi negli Stati protoindustriali, alle moderne imposte sul reddito? Gli ordinamenti tributari sono stati edificati come riflesso della trasformazione dei sistemi economico-sociali nei singoli Paesi, o sono il frutto di un approccio costruttivista e regole stabilite a tavolino? Perché l’imposta sul reddito, architrave degli ordinamenti tributari contemporanei, sta perdendo centralità e subendo un progressivo processo di erosione?
23

Casi e materiali di diritto antitrust europeo

Manzini, Pietro
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
«Una raccolta di "casi e i materiali" è, per definizione, un lavoro umile. E pur tuttavia utile. Ciò vale in particolare per il diritto antitrust europeo che è costituito da una struttura normativa relativamente scarna, in relazione alla quale la Corte di giustizia e il Tribunale dell'Unione europea hanno però sviluppato una giurisprudenza vastissima, a sua volta integrata da un'ampia e importante rete di atti amministrativi della Commissione. Data l'ampiezza del materiale, le scelte qui effettuate sono state necessariamente draconiane e in parte arbitrarie, ma hanno comunque l'ambizione di illustrare al lettore i tratti più significativi della materia, sia dal punto di vista sostanziale che da quello procedurale. Esse sono state affinate e guidate dalle valutazioni, attente e pertinenti, dei miei studenti del corso di European Antitrust Law, che da diversi anni tengo presso il Dipartimento di Scienze giuridiche dell'Alma Mater. Anche grazie a questo vaglio, il materiale raccolto è piuttosto 'elaborato', nel senso che dello stesso sono riportate solo quelle parti che recano le soluzioni di diritto individuate dalle istituzioni europee, ovvia-mente mantenute nel loro contesto fattuale e giuridico. Inoltre, i testi sono stati sistematizzati in modo da agevolare una lettura non disarticolata della logica e dello sviluppo della materia. La raccolta è destinata principalmente agli studenti universitari che decidano di seguire un corso di diritto della concorrenza, ma potrebbe risultare utile anche al professionista interessato a cogliere direttamente dalla prassi applicativa gli elementi essenziali di una materia la cui conoscenza non può più essere appannaggio dei soliti 'divergenti' e sognatori europei, ma è divenuta necessaria anche per i solidi e concreti giureconsulti nazionali. Nell'art. 1, par. 4 della legge n. 287/90 si precisa che le norme italiane sulla concorrenza vanno interpretate alla luce dei 'principi dell'ordinamento delle Comunità europee in materia di disciplina della concorrenza'. In questa raccolta il giurista italiano trova quei principi.»
24

Crisi di impresa e i suoi effetti nell'affidamento e nell'esecuzione dei contratti pubblici (La)

Vitalone, Vincenzo ; Macrì, Giuseppe Raffaele
Editore: Maggioli Editore
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Il presente testo si rivolge a tutti coloro che devono misurarsi con le tematiche e gli istituti inerenti all'affidamento e all'esecuzione dei contratti pubblici in caso di procedure concorsuali. Le recenti norme in materia di insolvenza, anche di derivazione europea, inquadrano le procedure concorsuali come uno strumento teso non solo a eliminare dal mercato le imprese che non siano più in grado di svolgere la propria attività, ma anche a garantire la conservazione delle aziende, intese quale complesso di beni facenti parte del tessuto economico. Anche l'attuale decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 risente di tale cambio di visione. Il c.d. nuovo Codice degli appalti presenta, infatti, meccanismi che, se debitamente sfruttati, consentono di mantenere sul mercato un'azienda anche laddove la stessa versi in uno stato di crisi. Seppure da angolazioni diverse, sia la normativa amministrativa che la normativa fallimentare guardano quindi al mercato nella complessa ricerca della tutela dell'interesse generale. L'impostazione dello scritto consente agli operatori di ambedue le discipline di trovare spunti utili e approfondimenti sul funzionamento degli strumenti messi in campo dal legislatore europeo e nazionale volti a consentire ad un operatore economico di essere affidatario ed utile esecutore di commesse pubbliche, anche in concomitanza di crisi di impresa. Nello specifico, sono affrontati gli istituti fallimentari inseriti all'interno del Codice degli appalti attraverso un'analisi sistematica delle relative disposizioni, anche con i riferimenti al nuovo Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza.
25

Finanza nella crisi reversibile di impresa. Gli strumenti negoziali nel Codice dalla crisi (La)

Tron, Alberto ; Franceschini, Luca Francesco
Editore: Egea
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Il testo vuole proporre un percorso di approfondimento dei temi teorici e pratici connessi alle procedure di allerta e alla composizione assistita della crisi, nonché delle procedure di regolazione della crisi stessa, ove questa è intesa come reversibile e con riferimento alle società di capitali. Il punto di attenzione è posto, in particolare, sull'attività svolta dai principali attori coinvolti nel processo di ristrutturazione del debito dell'azienda. Il Codice della Crisi d'Impresa e dell'Insolvenza, introducendo strumenti atti alla prevenzione della crisi, nonché riproponendo in modo riorganizzato e più efficiente gli strumenti già considerati nella legge fallimentare (R.D. n. 267 del 16 marzo 1942), quali i piani attestati, gli accordi di ristrutturazione e il concordato preventivo, ha posto a carico degli organi sociali diversi doveri, attività e mansioni che richiedono, da una parte, nuove competenze e, dall'altra, un'approfondita conoscenza delle condizioni di economicità dell'impresa e della loro concreta manifestazione. Inoltre, la capacità di elaborare previsioni di andamento del business aziendale, e di rappresentare in un apposito piano funzionale al ripristino dell'economicità dell'impresa nonché al mantenimento del going concern, costituiscono condizioni indispensabili per il risanamento dell'impresa. Advisor finanziari e consulenti, che assumono il ruolo di attestatori dei piani di risanamento, non sono i soli attori della crisi a dover possedere competenze nell'ambito dell'analisi finanziaria e della finanza d'azienda, spettando tale preparazione anche ai componenti degli organi sociali, che sono chiamati a gestire la crisi. Prefazione di Maurizio Dallocchio.
26

Manuale di diritto della crisi e dell'insolvenza

D'Attorre, Giacomo
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
Il diritto della crisi e dell'insolvenza ha subìto nel corso degli anni rilevanti modifiche, non solo e non tanto per quanto riguarda il contenuto delle norme e dei singoli istituti, quanto soprattutto per la funzione ad esso assegnato. Non si tratta più solo di un insieme di regole dirette ad attuare in modo efficiente la responsabilità patrimoniale dell'imprenditore insolvente nell'interesse dei creditori, ma di un qualcosa di profondamente diverso. La normativa della crisi e dell'insolvenza è oggi la disciplina di una fase, sia pure delicata, della vita economica o imprenditoriale del debitore, della quale ne viene regolamentata allo stesso tempo la pianificazione, la gestione e l'esito, assicurando un ragionevole equilibrio tra le esigenze dei creditori, dei terzi, della collettività e dello stesso debitore. Così identificato, il diritto della crisi e dell'insolvenza è, ormai, un complesso di norme che si inserisce in modo organico nel diritto civile e nel diritto dell'impresa e che sempre più si allontana da un approccio meramente processuale ed esecutivo. Questo percorso, avviato già da tempo, ha segnato una tappa importante con la pubblicazione del Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza, con il quale è stata abrogata la legge fallimentare. La diversa posizione del diritto della crisi e dell'insolvenza nel sistema normativo richiede un rinnovato approccio anche a livello manualistico, che non si limiti solo a dare conto delle modifiche introdotte dal Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza rispetto alla legislazione precedente, ma che sia invece basato su una diversa impostazione della materia, di cui si tenga conto tanto nell'impostazione generale della esposizione, quanto nell'esame dei singoli istituti. Questa è l'esigenza alla base della scelta di dare alle stampe il volume.
27

Lineamenti del diritto amministrativo

Cerulli Irelli, Vincenzo
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
"Ripubblico, con qualche esitazione invero, visto che sarebbe ormai necessario un radicale ripensamento della discipline, questi Lineamenti rivisti e aggiornati. Alcune parti del libro sono state riscritte e, in particolare, il capitolo sui contratti pubblici la cui precedente formulazione presentava delle carenze espositive. Su sollecitazione di alcuni colleghi, che ringrazio, ho aggiunto un capitolo sulle forme della tutela giurisdizionale nelle controversie di diritto pubblico, dove una sommaria disciplina delle azioni esperibili rispettivamente davanti al giudice ordinario e al giudice amministrativo nei confronti della pubblica amministrazione. Questa breve parte della trattazione era presente nelle prime edizioni di questi Lineamenti insieme a un altro capitolo sul processo amministrativo. Avevo ritenuto che il diritto processuale amministrativo avesse assunto ormai una dimensione autonoma, anche sul piano dei principi e degli istituti, e dovesse essere trattato separatamente rispetto al diritto amministrativo sostanziale. Tuttavia, la disciplina delle azioni esperibili nelle controversie insorte nell'ambito dei rapporti di diritto pubblico può essere correttamente ritenuta parte del diritto amministrativo sostanziale. Del resto, le azioni esperibili in sede civile nell'ambito dei rapporti privatistici sono collocate nel VI libro del codice civile. È anche opportuno osservare che il diritto amministrativo sostanziale nei suoi principi e istituti relativi all'esercizio del potere, ai provvedimenti amministrativi e ai loro effetti in ordine alle situazioni protette, si è formato in larga misura in sede processuale a fronte di esigenze di tutela via via prospettate davanti ai giudici amministrativi. Potremmo dire che il diritto sostanziale è venuto dopo, si è assestato su esigenze di tutela giurisdizionale. Perciò una trattazione, sia pure estremamente sommaria, delle forme di tutela delle situazioni protette a fronte dell'esercizio del potere appare un utile completamento di una trattazione di diritto sostanziale." (dalla premessa alla settima edizione)
28

Acquisizioni. Valutare e gestire i processi di crescita (Le)

Conca, Valter
Editore: Egea
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Mai come in questi ultimi anni il management ha dovuto affrontare la sfida della crescita in un contesto di instabilità e di competizione internazionale misurandosi con processi decisionali complessi, articolati e ad elevato grado di rischio. Ha queste caratteristiche l'operazione di acquisizione, che può essere strutturata in occasione di negoziazioni diverse e afferenti, ad esempio, le quote (o parti di esse) rappresentative del capitale, la totalità delle attività aziendali (acquisizione di azienda), i rami aziendali o alcune specifiche attività. L'autore descrive compiutamente le operazioni di acquisizione e fusione anche alla luce della normativa antitrust e ripercorre le motivazioni e gli obiettivi, le strategie perseguibili, il processo di valutazione e di gestione della trattativa, i modelli di formazione del prezzo che presiedono a questa trasformazione aziendale. Una attenzione particolare è data sia ai ruoli e alle funzioni del management che ne guida le fasi, sia alle implicazioni contrattuali, fiscali e finanziarie che l'operazione comporta. In questa nuova edizione, oltre all'aggiornamento dei dati di mercato, è stato dato rilievo alle problematiche tipiche delle acquisizioni finanziarie con riferimento al mercato del Private equity. L'ampio spettro di analisi e il taglio efficacemente esplicativo degli aspetti tecnici rendono il volume, giunto alla quarta edizione, di utilità e interesse non solo per manager e imprenditori ma anche per studenti post graduate, professionisti e intermediari finanziari.
29

FinTech. Introduzione ai profili giuridici di un mercato unico tecnologico dei servizi finanziari. Vol. 1

Paracampo M. T. (cur.)
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
«Nell'anno intercorso tra la pubblicazione del volume incentrato sui profili bancari e creditizi connessi all'evoluzione dell'ecosistema FinTech e la chiusura del presente, dedicato agli aspetti finanziari ed assicurativi, il mondo e la storia umana sono stati profondamente segnati da una pandemia e da una conseguente emergenza economica. Le misure messe in campo per colmare il distanziamento fisico, imposto da periodi più o meno prolungati di lockdown, hanno posto in evidenza l'importanza di un efficiente e resiliente sistema produttivo e distributivo interamente digitalizzato. Gli interventi al riguardo adottati hanno innescato un processo senza ritorno che continuerà ad incidere significativamente sullo stile di vita delle persone, sulle modalità di interazione e sull'approccio alla tecnologia anche nel momento in cui - si auspica quanto prima - lo stato emergenziale sarà superato. FinTech e il connesso ecosistema tecnologico non potevano rimanerne immuni, tanto da essere illuminati da una luce diversa da quella pre-pandemia, sino ad essere considerati come gli alleati su cui puntare per uscire dal tunnel dell'emergenza economica. Paradossalmente, la pandemia ha svolto una funzione di detonatore tecnologico, accelerando il processo di trasformazione digitale, in pari con quello della transizione verde e della sostenibilità. Entrambi, entrati a pieno titolo nel mood culturale soprattutto delle generazioni più giovani, sono divenuti due must imprescindibili del prossimo futuro, tanto da convogliare gran parte degli investimenti che saranno messi a disposizione dal Reco-very Fund...» (Dall'Introduzione di Maria-Teresa Paracampo)
30

Disposizioni penali nel codice della crisi di impresa

[Pacchi S. (cur.); Guerrini R. (cur.); De Flammineis S. (cur.)]
Editore: Giappichelli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto DIRITTO
«Dopo anni di continue riforme che, a partire dal 2005-2006, hanno inciso marcatamente sull'ordito normativo della nostra legge fallimentare del 1942 (r.d. 16 marzo 1942, n. 267), con pezzi di "vestito nuovo per attaccarli al vecchio" che spesso hanno reso difficile il coordinamento tra norme e istituti espressione di momenti storico-economici diversi, il 12 gennaio 2019, con il d.lgs. n. 14, veniva emanato il nuovo Codice della Crisi d'impresa e dell'insolvenza (d'ora innanzi CCII) in attuazione della legge delega 19 ottobre 2017, n. 155. Senza dubbio si tratta di un evento estremamente rilevante perché segna, nel diritto della crisi, il definitivo abbandono di un sistema che considerava l'insuccesso imprenditoriale come evento patologico da sanzionare anche pesantemente ad uno che crede nella fisiologica sequenza, non necessariamente colpevole, di momenti di difficoltà a quelli di crescita. Di conseguenza, da un lato viene espunto il vocabolo "fallimento", evocativo di riprovazione morale e sanzioni verso il soggetto, per sostituirlo con quello di "liquidazione giudiziale", che punta invece a porre in luce l'essenza della procedura come vicenda che colpisce il patrimonio per soddisfare i creditori. Dall'altro il Codice offre uno strumentario, di crescente invasività, a seconda della natura e dell'intensità della crisi, che l'impresa ancora viable può utilizzare per rimanere sul mercato o, quanto meno, per conservare l'unitarietà del complesso aziendale attraverso la cessione ad altro imprenditore. Muovendo da questa prospettiva il legislatore del 2019 realizza l'unificazione e il coordinamento di alcune fonti normative allo stato sparpagliate in leggi diverse rendendo la disciplina meglio fruibile da parte degli operatori là dove leviga asperità, introduce connessioni e chiarimenti, recepisce arresti giurisprudenziali ormai consolidati e accreditate tesi dottrinali. Il CCII raccoglie, così, la disciplina delle procedure per la crisi sia dell'imprenditore che del debitore civile (la cui normativa è adesso racchiusa nella legge n. 3/2012), rimanendo, invece, escluse - diversamente da quanto previsto nella legge delega - le due versioni dell'amministrazione straordinaria delle grandi imprese in stato d'insolvenza (d.lgs. n. 270/1999 e d.l. n. 247/2003) e limitando l'intervento sulle liquidazioni coatte a pochi tratti di pena sulle norme "importate" dalla legge fallimentare in tema di principi generali...» (Dalla Prefazione)

Pubblicato in DATI il 23/04/2021

Tags: