Convegno delle Stelline 2022: Le tre leve della biblioteca

Le tre leve della biblioteca: innovazione, prossimità, comunità. Questo il titolo dell’edizione del 2022 del Convegno delle Stelline che si svolgerà a Milano il 10 e 11 marzo. 

Le biblioteche hanno attraversato un periodo molto difficile a causa della pandemia, che non è ancora finito. Per molte di loro il 2022 sarà l'anno zero in cui il ritorno a un nuovo inizio e a una nuova normalità non può significare limitarsi a rialzarsi, ma è indispensabile che sviluppino una capacità di riprogettare il servizio sulla base di una nuova visione.

I pilastri su cui fondare un percorso di ricostruzione vincente sono rappresentati da tre parole chiave: innovazione, prossimità, comunità.

Per innovazione si intende l’innovazione sociale e culturale che ne Il Libro bianco sull’innovazione sociale di Robin Murray, Julie Caulier Grice e Geoff Mulgan viene definita come l’insieme delle nuove idee che vanno incontro ai bisogni sociali e che allo stesso tempo creano nuove relazioni sociali e nuove collaborazioni. Innovare è un’aspirazione a cui tendere per garantire la buona salute del nostro istituto, nella consapevolezza che l’offerta dei servizi non può mai rimanere uguale a se stessa. Tuttavia il percorso di apprendimento che la biblioteca è chiamata a compiere, prima assimilando i contenuti dell’innovazione e poi accomodandoli all’interno delle scelte organizzative stabili, è reso oggi tutt’altro che lineare da alcune scelte tecnico-politiche che puntano le proprie carte su misure di respiro temporaneo, finanziando quasi esclusivamente progetti speciali che la biblioteca può avere difficoltà a stabilizzare nel tempo, quando le luci della ribalta si sono spente.

E’ necessaria una pianificazione sostenibile dello spazio urbano basata sul concetto di prossimità non  solo geografica ma anche cognitiva e relazionale. La prossimità cognitiva ha a che vedere con gli strumenti che utilizziamo per interpretare il mondo e si configura come necessaria per comunicare e comprendersi. La prossimità relazionale ha a che vedere con la capacità della prossimità fisica di produrre comunità che ha un legame evidente con le caratteristiche funzionali dei luoghi. La biblioteca, è un luogo di incontro con persone che hanno gli stessi interessi e le medesime passioni.

Si arriva così facilmente al termine comunità che evoca tradizionalmente l’immagine di una forma sociale chiusa caratterizzata da legami stabili ma che oggi, nell’epoca delle reti sociali e dei “legami deboli”, appare invece in continua evoluzione.

Il convegno 2022 approfondirà il significato strategico di queste tre idee-forza mostrando come possano interagire, creando forme di socialità e modalità gestionali finora inesplorate.

 

Anche Leggere Leggere sarà presente al Convegno delle Stelline e Bibliostar il 10 e 11 marzo. Ci trovate allo stand n.A19 al piano terra, presso il Palazzo delle Stelline a Milano, ma è prevista anche una piattaforma streaming per tutti coloro che non potranno raggiungere Milano.

 


Pubblicato in STRUMENTI il 10/03/2022

Tags: