Cari genitori, benvenuti in biblioteca

Novembre è il mese di Nati per Leggere, un appuntamente annuale che ribadisce l'importanza del diritto alle storie e alla lettura. Quanto è importante la lettura nei primi anni di vita dei bambini? Come può la biblioteca promuovere la lettura tra le mura domestiche? A queste e molte altre domande cercano di dare risposta Giovanna Malgaroli, bibliotecaria e rappresentante di nati per Leggere nel comitato direttivo di IBBY Italia, e Fabio Bazzoli, bibliotecario e membro del Coordinamento nazionale del programma Nati per Leggere, nel libro "Cari genitori, benvenuti in biblioteca" pubblicato da Editrice Bibliografica.

Il volume mette a fuoco i benefici della lettura nei primi anni di vita, fornisce consigli ai genitori per avvicinare i più piccoli al mondo dei libri e preziosi spunti ai bibliotecari per promuovere  la lettura in biblioteca e le migliori strategie per consigliare i libri più adatti ai più piccoli. 

Di seguito uno stralcio dall'appendice del libro che riporta il manifesto realizzato dall’Associazione Carta- straccia, promosso e pubblicato dall’Associa­zione italiana biblioteche nel 2019 e patrocinato da Sistema Bibliotecario Nord Est Milano, Memo-Mediateca Montanari e Sistema Bibliotecario del Comune di Fano, Rete Documentaria della Provincia di Pistoia, Rete Biblioteche Vicentine.

25 BUONE RAGIONI PER PORTARE UN BAMBINO IN BIBLIOTECA (Vanno bene bambini di ogni tipo, anche pre­si in prestito da amici o parenti).

  1. Perché, per quanto piccolo, nessun bam­bino è troppo piccolo per iniziare ad ac­compagnare un grande in biblioteca.
  2. Perché in biblioteca potete fare molte cose insieme, ma anche farne ognuno per conto suo (si può scegliere a seconda degli umori e del bisogno).
  3. Perché i bibliotecari, tranne rarissime eccezioni, non mangiano i bambini.
  4. Per vedere la sua faccia quando gli dirai che può scegliere dei libri da portarsi a casa, al parco a scuola, perché sono di chiunque li voglia leggere.
  5. Per poi tornare in biblioteca a riportarli, e quei libri andranno a casa, al parco o a scuola con qualcun altro, perché sono di chiunque li voglia leggere.
  6. Perché in biblioteca si fanno incontri stra­ordinari.
  7. Perché i bibliotecari possano dirvi dove si trova ciò che state cercando, ma soprat­tutto ciò che non state cercando affatto.
  8. Per mostrargli un ponte tra passato e fu­turo.
  9. Perché in biblioteca diventerà un lettore, la quale cosa la si augura a tutti i bambini del mondo.
  10. Perché un adulto può imparare moltissi­mo dai tanti modi in cui un bambino si interessa ai libri, li legge, li sceglie, li ma­neggiare.
  11. Perché i libri migliori potrebbero essere negli scaffali più bassi e a te sfuggirebbe­ro di sicuro.
  12. Perché nel silenzio della biblioteca si sente il fruscio delle pagine e quello dei pensieri.
  13. Perché nei libri della biblioteca si nascon­dono segnalibri dimenticati, parole segnate, orecchie alle pagine e molte altre tracce visibili e invisibili di chi li ha letti prima.
  14. Perché le biblioteche sono tra i pochissimi posti al mondo in cui, in certe occasioni, si possono ascoltare letture ad alta voce.
  15. Perché la biblioteca cresce con chi legge i libri che contiene.
  16. Perché in biblioteca si possono trovare ri­viste per grandi e piccoli, suqchi di frutta e caffè alle macchinette, tappetoni e com­puter (qualche volta anche tablet e scalda- biberon), libri che non si trovano nelle li­brerie e film che non fanno mai in tv.
  17. Per fargli scoprire che anche i luoghi han­no una vita, come gli organismi.
  18. Perché se la biblioteca diventerà un luogo quotidiano, avrà dove rifugiarsi ogni volta che ne avrà bisogno, sia da piccolo che da grande.
  19. Perché sappia di avere a portata di mano un’immagine del mondo in miniatura.
  20. Perché in biblioteca si esercita l’arte di inventare tutte le associazioni possibili (e anche impossibili).
  21. Perché se un libro è un uccello e molti libri uno stormo, la biblioteca è un oriz­zonte.
  22. Perché in biblioteca si sceglierà da sé i propri antenati, dei quali prima non so­spettava nemmeno l’esistenza.
  23. Perché conosca un luogo in cui si conser­va ciò che altrove si dimentica.
  24. Perché nello scaffale per ragazzi c’è alme­no un libro che sembra messo lì apposta per lui, ma anche uno che è evidente­mente lì apposta per te.
  25. Perché la biblioteca è più sorprendente entrandoci dentro anziché provare a im­maginarsela da fuori.
1

Cari genitori, benvenuti in biblioteca

Malgaroli, Giovanna ; Bazzoli, Fabio
Editore: Editrice Bibliografica
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ALTRA SCIENZE SOCIALI
Quanto è importante la lettura nei primi anni di vita dei bambini? Che rilevanza ha la biblioteca nel fornire suggerimenti sui libri più adatti alla lettura in famiglia? Il libro fornisce spunti e preziosi consigli per iniziare e continuare nel tempo un percorso di lettura fin dalla più tenera età. Il testo si rivolge a tutti gli interessati a queste tematiche e al programma "Nati per Leggere" (bibliotecari, operatori socio-sanitari, educatori e volontari), soffermandosi sul contributo specifico che la biblioteca può dare alla promozione della lettura tra le mura domestiche e illustrandone le risorse, i benefici messi a fuoco dalle evidenze scientifiche nell'ambito del programma "Nati per Leggere" e il ruolo decisivo che l'ascolto condiviso assume nella creazione del lettore.

Pubblicato in STRUMENTI il 05/11/2020

Tags: