150 anni dell'AIE

L’ Associazione Italiana Editori nasce nel 1869 come associazione di categoria del settore librario grazie all'impegno di importanti figure storiche dell'editoria come Bocca, Barbera, Loescher, Pomba, Le Monnier, Treves. L'AIE rappresenta sul piano nazionale e internazionale, le imprese che producono contenuti editoriali e costituisce un osservatorio attento e aggiornato sul panorama della lettura, dei consumi culturali e educativi del Paese. Ad oggi gli editori aderenti all’AIE rappresentano il 90% del mercato librario italiano

Tra i suoi obiettivi l’Associazione si prefigge di :

- Tutelare gli editori per favorirne la crescita professionale, rimuoverndo gli ostacoli allo sviluppo di un moderno mercato editoriale

- Contrastare i fenomeni di illegalità e mancato rispetto del diritto d’autore

- Promuovere tutte le iniziative che permettono la diffusione della lettura e del libro

- Favorire tutti i processi di internazionalizzazione delle imprese e della cultura italiana nel mondo

 

Di seguito una selezione di 20 titoli per conoscere meglio il mondo dell'editoria in Italia.

1

Risvolti di copertina. Viaggio in 14 case editrici italiane

Taglietti, Cristina
Editore: Laterza
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Sellerio, E/O, L'orma, Giunti, il Mulino, Zanichelli, Einaudi, Bao, Il Castoro, NN, La nave di Teseo, Feltrinelli, GeMS, Mondadori: un viaggio in 14 case editrici italiane, per scoprire come e chi progetta i libri, ne cura i testi e le immagini, ne disegna le copertine, li promuove presso i lettori. Le case editrici sono, prima di tutto, case. I tavoli per le riunioni sostituiscono i tavoli da pranzo, gli sgabuzzini diventano piccole cucine, le cantine archivi, biblioteche o studi di registrazione per gli audiolibri. Piccoli marchi in appartamenti di poche stanze, holding che occupano interi palazzi o che occupano sedi pensate su misura. Questo libro parte da qui: accompagna il lettore dietro quei portoni, mostra chi abita quelle stanze, in quali spazi si pensano e si realizzano i libri che leggiamo, come arrivano i grandi bestseller internazionali sui tavoli degli editor o qual è la strada che percorre un dattiloscritto per arrivare nelle librerie. Da Palermo a Milano, da Roma a Bologna e Torino, un viaggio per raccontare dall'interno marchi storici o sigle appena nate, piccole imprese artigianali e grandi gruppi editoriali.
2

La claque del libro

Borsani, Ambrogio
Editore: Neri Pozza
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Abbandonato l'utero dello stampatore il libro si trova di fronte la spaventosa giungla del mercato. Editori rivali, eserciti di concorrenti, scrittori invidiosi, cecchini della critica, influencer malevoli. E su tutti domina il nemico mortale: l'indifferenza del mondo. Contro questi pericoli l'editore provvede a sostenere alcuni dei nuovi nati con squadre di promotori, uffici stampa, agenti pubblicitari. "La claque del libro" ricostruisce la storia delle promozioni editoriali nei secoli. A cominciare da Peter Shöffer, collaboratore di Gutenberg che nel 1469 per primo ebbe l'idea di stampare un foglio con diciannove titoli e di affiggerlo ai muri. Il libro di Ambrogio Borsani ripercorre le tappe fondamentali delle operazioni di sostegno al libro intrecciandole con la storia della pubblicità. Da Shöffer a Renaudot, primo teorico dello scambio. Da Parmentier a Diderot, infaticabile promotore dell'Encyclopédie. La grande stagione dei manifesti, da Chéret a Depero. Si ricostruiscono le case-histories di lanci clamorosi come quello di Fantomas, l'esempio più sorprendente di marketing tra i libri seriali del primo Novecento, e altri eventi straordinari come "Via col vento" e "Il Piccolo Principe". Storie di grandi scrittori come Mark Twain, Hemingway e Steinbeck che si prestavano volentieri alla pubblicità. Un viaggio tra grandi successi e tonfi paurosi, fino a osservare il libro al tempo dei social. Follower, influencer, like, stroncature, cuoricini, emoticon ammiccanti o dispettosi, incensi e veleni della rete. Dai metodi inflazionati di promozione che promettono a tutti un grande successo al singolare caso di Rupi Kaur, astuta regina della poesia social. La storia del libro come racconto appassionante di splendori e miserie del mondo editoriale.
3

Il marchio dell'editore. Libri e carte, incontri e casi letterari

Ferretti, Gian Carlo
Editore: Interlinea
Reparto NARRATIVA
Sottoreparto BIOGRAFIE
Il lavoro culturale che sta dietro i libri - tra editori protagonisti, collane che hanno fatto epoca, carte di scrittori e scaffali di librerie - emerge dall'autobiografia intellettuale, personale e collettiva, di uno dei maggiori studiosi dell'editoria italiana. Gian Carlo Ferretti costruisce un libro nuovo, riorganizzando e riscrivendo saggi mai raccolti in volume (con due sole eccezioni) su Gramsci e Vittorini, Bompiani e Bollati, Linder e Zavattini, Eco e Pasolini, e su contratti e censure, lettori e non lettori, testi e prodotti, analisi di mercato e ricerche d'archivio, via via fino alla magmatica galassia della Rete. Con un ampio saggio introduttivo e con molti inediti.
4

Editoria. Aspetti giuridici contabili e fiscali

Stella Monfredini, Paolo
Editore: Egea
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Il volume analizza gli aspetti giuridici, contabili e fiscali del settore editoriale e delle comunicazioni. La prima parte è dedicata al diritto d'autore, interessato dall'approvazione della Direttiva UE sul copyright, giunta dopo una lunga gestazione e un aspro confronto che ha visto contrapporsi, da un lato, i sostenitori della cosiddetta "libertà di internet" (open source) e, dall'altro, i difensori del copyright. Particolare attenzione è riservata all'analisi della tassazione diretta e indiretta dei compensi percepiti dagli autori. La seconda parte si concentra sugli operatori del settore editoriale e sulle problematiche di maggiore interesse per ciascuno dei soggetti coinvolti: dalla natura giuridica dei rapporti tra editori, distributori e rivenditori alle rilevazioni contabili, dalla redazione dei bilanci alle imposte dirette sui redditi, dall'imposta sul valore aggiunto alle altre imposte indirette. Specifico approfondimento è riservato alla normativa nazionale e dell'Unione europea in materia di aliquote IVA ridotte. La terza parte esamina il comparto dell'editoria multimediale, del commercio elettronico offline e online e delle nuove professioni digitali includendo gli aspetti di natura fiscale sia ai fini dell'imposta sul valore aggiunto che ai fini delle imposte dirette. Il volume si conclude con l'analisi della legislazione del settore, in particolare con riferimento al pluralismo dell'informazione, alle misure di sostegno economico e di sviluppo dell'editoria, al ruolo dell'Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni e infine alla diffusione dei prodotti editoriali.
5

Storia dell'editoria in Italia. Dall'Unità a oggi

Cadioli, Alberto ; Vigini, Giuliano
Editore: Editrice Bibliografica
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto STORIA
Questo saggio è pensato per chi vuole una panoramica sintetica ma insieme completa delle tappe fondamentali che hanno segnato la storia dell'editoria italiana. L'autorevolezza degli autori lo rende particolarmente utile a chi per studio, esigenze professionali o approfondimento culturale è interessato alla materia. La struttura del volume è scandita secondo un criterio di successione cronologica, che segue le vicende di quelle case editrici che hanno rappresentato un punto di riferimento nei diversi periodi presi in esame. La divisione in tre parti - corrispondenti all'Ottocento, alla prima e alla seconda metà del secolo XX, fino ai nostri giorni - propone anche tre possibili sguardi: quello che cerca nelle prime tappe dell'editoria moderna alcune delle linee determinanti per i suoi sviluppi a venire; quello che si sofferma più puntualmente sulla nascita e sulla crescita di realtà editoriali ormai entrate a far parte della storia; quello che invece tenta di individuare, per i tempi più vicini a noi, i fenomeni caratteristici dello scenario di oggi
6

L'ufficio stampa in editoria

Gatti, Maria Vittoria
Editore: Editrice Bibliografica
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
L’efficacia della comunicazione e della promozione è d’importanza vitale per le sorti di un prodotto editoriale. Di quali strumenti deve disporre l’ufficio stampa per rispondere alle sfide dell’editoria di oggi? Maria Vittoria Gatti mette al servizio dei lettori la sua lunga esperienza e le conoscenze acquisite direttamente sul campo. Il manuale, di taglio pratico, si rivolge a una vasta platea di destinatari: non solo addetti ai lavori desiderosi di aggiornarsi sulle nuove frontiere multimediali, ma anche studenti dei corsi di comunicazione, autori e editori che vogliano entrare nel merito di una questione sempre più essenziale per il loro futuro professionale. Partendo da un’analisi esaustiva, il testo si focalizza sopratTutto sui processi comunicativi interni ed esterni alle case editrici, senza che venga mai meno il contatto con la realtà dei fatti. Completa il volume un ricco corredo di testimonianze, case history e interviste a esponenti di punta del panorama editoriale italiano.
7

I metadati. Come vendere meglio libri e ebook

Guida, Enrico ; Di Giampaolo, Paola
Editore: Editrice Bibliografica
Reparto SCIENZA E TECNOLOGIA
Sottoreparto SOFTWARE e HARDWARE professionale e specialistico
Che cosa consente a libri, riviste, ebook, cd e dvd di essere rintracciati in rete, nel catalogo di una libreria o di una biblioteca? Come è possibile reperire in una libreria online i titoli pubblicati su un argomento che ci interessa? Che cosa permette a un titolo di essere individuato come “il più venduto” e di finire nelle classifiche? A consentire tutto questo sono i metadati, informazioni che annunciano e poi accompagnano il libro nel suo percorso verso il lettore, e gli consentono di essere ricercabile, visibile, vendibile. Sapere quali sono e come utilizzare al meglio i sistemi di metadati è un vantaggio competitivo in ogni passaggio della filiera editoriale. Con un taglio divulgativo ma rigoroso al tempo stesso, questo volume vuole guidare l'editore, la libreria o l’autore che si autoproduce ad acquisire una “cultura dei metadati”, indispensabile per emergere in un mercato sempre più affollato di proposte.
8

Dal testo al libro. Manuale pratico per redattori

[AA.VV.]
Editore: Editrice Bibliografica
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Quali caratteristiche deve avere un documento di testo per essere adatto all'impaginazione? Che cosa significa formattare un testo? Come si può impaginare la pagina liquida di un libro digitale? Le risposte a queste e a molte altre domande in una guida pratica agli aspetti più tecnici del lavoro editoriale. L'ingresso del desktop publishing nelle aziende editoriali non ha cambiato solo l'attività di compositori e impaginatori, ma anche quella dei redattori, che sono chiamati sempre più spesso a un lavoro "ibrido" di intervento e controllo, non solo sul testo vero e proprio ma anche sul file impaginato e sugli aspetti grafici e tecnici del prodotto. Questo libro illustra, con l'aiuto di numerosi esempi concreti, la lunga strada che uno scritto deve affrontare per diventare libro e, soprattutto, cosa il redattore può fare per rendere il percorso più rapido e ridurre al minimo il rischio di errori. Ogni capitolo si occupa di una diversa fase del lavoro - dalla pulizia e caratterizzazione del file originale al controllo della bozza di stampa in cianografica, soffermandosi anche sulle specificità dei libri digitali - per offrire al redattore (o all'aspirante tale) un manuale che lo aiuti ad affrontare e risolvere i problemi più pratici e a sciogliere eventuali dubbi legati all'attività professionale.
9

E-commerce per editori e librai

Fabbri, Maria Letizia ; Giansoldati, Davide
Editore: Editrice Bibliografica
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Come si organizza un'attività di vendita online? Quali sono i vantaggi? Come sfruttare al massimo le potenzialità dei social network? E nello specifico, che caratteristiche deve avere l'e-commerce applicato al mondo del libro? A queste e a molte altre domande risponde il volume di Maria Letizia Fabbri e Davide Giansoldati che, forti della loro esperienza diretta sul campo, forniscono molti consigli pratici per chi opera in questo settore Con un linguaggio chiaro ed efficace i due autori, esperti di editoria, e-commerce e marketing online, guidano il lettore nei meandri della web analytics, dell'email marketing e della fidelizzazione dei clienti. Completano il volume una selezione di studi di casi significativi per vedere come ottimizzare i risultati, una serie di box con il glossario dei termini più utili per orientarsi nel mondo dell'e-commerce e una bibliografia ragionata. Uno strumento per tutti coloro che già operano (o desiderano farlo) nel mondo editoriale e della vendita del prodotto libro.
10

I Libri delle donne. Case editrici femministe degli anni Settanta

Navarrìa Vera
Editore: Villaggio Maori
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Davvero è esistita un'editoria femminista? Davvero può riguardare più di un limitato gruppo di attiviste? E a cosa può servire? Vera Navarrìa, ricostruendo il fervore culturale nato dalle istanze femministe e il ruolo svolto dalle case editrici che «vivevano per un fine ideale, dare voce alle donne, alla loro differenza, alla loro creatività», fa un quadro dell'editoria femminista europea, si sofferma su quella italiana e svela di avere «appreso con stupore che per alcuni anni il mondo ha conosciuto un circuito editoriale diverso che nelle sue spinte più utopiche ambiva a fare da sé, a fare a meno del compromesso con l'editoria "tradizionale", capitalista, "degli uomini".
11

L'autore assente. L'anonimato nell'editoria italiana del Settecento

Braida, Lodovica
Editore: Laterza
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
L'editoria europea conosce nel corso del Settecento una fase di straordinario fermento: accanto all'estensione del mercato del libro, cresce sempre più l'affermazione della personalità creativa degli autori, e non è un caso che in quegli anni si inizi a riconoscere, almeno in Inghilterra, il diritto d'autore. L'Italia partecipa a questa vivacità intellettuale, ma accanto all'esigenza degli scrittori di affermare la propria identità, si affianca un'altra tendenza, sempre esistita, di segno contrario: la scelta di far circolare le proprie opere in forma anonima. Quali le ragioni dell'anonimato? Il silenzio d'autore è certamente legato a una logica di controllo per i generi su cui pesa il giudizio negativo della censura ecclesiastica. Ma c'è di più: scrivere libri che potevano essere considerati di basso profilo culturale, come molti romanzi o altri libri di larga circolazione, poteva nuocere al buon nome dell'autore. Meglio dunque rifugiarsi nell'anonimato. Un capitolo fondamentale e fin qui poco studiato della storia dell'editoria italiana.
12

Vita e Pensiero: cento anni di editoria. Catalogo storico 1918-2017

Cicala R. (cur.); Ferrari M. (cur.); Sverzellati P. (cur.)
Editore: Vita e Pensiero
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
«Ogni volume è una battaglia, ogni titolo di un libro un programma, ogni nome d'autore un fratello, ogni collezione un orizzonte che si schiude e che invita a procedere innanzi impavidamente, coraggiosamente, arditamente...». Così scriveva mons. Francesco Olgiati parlando della casa editrice Vita e Pensiero, che dopo l'omonima rivista avviata nel 1914, aveva fondato nel 1918 insieme a padre Gemelli e Armida Barelli. A cento anni di distanza l'editrice festeggia il traguardo con un catalogo storico che ne ripercorre l'opera: dal primo libro Carlo Marx fino a tutto il 2017 che si chiude con Adamo dove sei? di Ravasi. Titoli, collane, autori (consultabili anche attraverso gli indici cronologici e alfabetici) si susseguono accompagnati da un apparato iconografico che mostra alcuni dei best seller e degli autori di punta e lo sviluppo grafico di quella che sarà, ed è tutt'oggi, l'editrice dell'Università Cattolica che nasce di lì a qualche anno. Il volume è arricchito dall'introduzione del noto studioso di editoria Giuliano Vigini che ripercorre le tappe storiche dell'editrice.
13

La grande concentrazione. Breve storia dei maggiori gruppi editoriali italiani

MAMMOLI MATTEO
Editore: Unicopli
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
La tendenza alla formazione di concentrazioni editoriali è un fenomeno che interessa tutti i paesi industrialmente avanzati. Anche il sistema editoriale italiano, che a partire dagli anni Sessanta del Novecento inizia a seguire nuove logiche di mercato, conosce profondi mutamenti strutturali. Le grandi aziende che cavalcano l'onda dell'industrializzazione si potenziano e inglobano quelle più piccole, innestando un meccanismo di acquisizioni, fusioni aziendali e compartecipazioni. L'autore, nel ripercorrere la storia, spesso turbolenta, delle più grandi concentrazioni editoriali italiane (Mondadori ma anche RCS, GeMS, Messaggerie, Feltrinelli), analizza il cambiamento avvenuto nella politica produttiva, che segue logiche diverse rispetto a quelle del passato.
14

Letterati editori. Attività editoriale e modelli letterari nel Novecento

Cadioli, Alberto
Editore: Il saggiatore
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
In questa edizione completamente rinnovata di "Letterati editori" - a un tempo saggio di storia della cultura letteraria e fortunata incursione teorica nei meccanismi dell'editoria - Alberto Cadioli ridefinisce la categoria del «letterato editore» da lui stesso coniata: homme de lettres a vario titolo impegnato in una casa editrice, il cui intervento può essere considerato da una parte la testimonianza della sua personalità artistica, dall'altra il segno della sua militanza, della volontà di incidere sul tempo in cui vive. All'inizio del secolo scorso, quando l'era del mecenatismo è ormai un lontano ricordo e l'intellettuale in crisi deve arrabattarsi per trovare nuovo status e nuovi mezzi di sostentamento, Papini e Prezzolini si danno all'editoria loro malgrado, esplorando la contraddizione tra missione e mercato col timore che le Muse della creatività vengano cacciate dalle Sirene dell'industria. A cavallo degli anni venti e trenta, invece, gli scrittori legati a Solaria fanno dell'editoria uno strumento di intervento nel mondo, un mezzo attraverso cui proporre un modello di cultura alternativo rispetto a quello diffuso dai programmi delle grandi case editrici. A Seconda guerra mondiale conclusa, la creazione della Biblioteca Universale Rizzoli su iniziativa di Luigi Rusca amplia il pubblico dei lettori e dà la possibilità di leggere a chi fino a quel momento non se l'è potuto permettere. A partire da un'ampia messe di dati, e con grande chiarezza ed efficacia espositiva, "Letterati editori" è un'imprescindibile guida attraverso la letteratura del Novecento italiano, che mostra come i più grandi autori che il nostro paese abbia espresso - Elio Vittorini e Vittorio Sereni, Giacomo Debenedetti e Italo Calvino - siano stati forse ancora più grandi innovatori della cultura e della sensibilità poetica, ispiratori del cambiamento sociale e plasmatori dell'orizzonte nel quale ancora oggi ci muoviamo.
15

Libri in guerra. Editoria e letture per i soldati nel primo Novecento

De Franceschi, Loretta
Editore: Mimesis
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto STORIA
La Grande guerra provocava in Italia molteplici conseguenze anche sul piano della produzione editoriale e della circolazione di materiale da lettura. Da un lato, l'evento bellico si traduceva in nuove iniziative di pubblicazione rivolte al pubblico sia al pubblico civile sia militare, diffondendo una tipologia documentaria estremamente varia per contenuti, forme e autori. Erano in maggioranza volumi e opuscoli con finalità propagandistiche e patriottiche, ma si imponevano anche tematiche prima mai affrontate di natura medica, assistenziale, tecnologica e sociale. Dall'altro, la mobilitazione di bibliotecari e uomini di cultura portava alla costituzione di comitati per l'invio di libri e riviste ai giovani soldati feriti negli ospedali e a quelli dislocati in trincea al fronte, sebbene in gran parte analfabeti. Nell'insieme si tratta di due aspetti complementari che contribuiscono alla ricostruzione di uno spaccato editoriale e culturale poco noto di questo tragico periodo della nostra storia.
16

Visto si stampi. Nove vicende editoriali

Sabatini, Gabriele
Editore: Italo Svevo (Roma)
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Chi ama davvero i libri può avere momenti di grande piacere nel sentire le storie di come alcuni di questi sono nati, sono stati editati, stampati o pubblicati. Soprattutto se ciò accadeva negli anni dell'immediato dopoguerra, all'apice di quello che potremmo definire il rinascimento dell'editoria italiana. Queste storie, in genere sotto forma di voci di corridoio, leggende o pettegolezzi, portano alla luce avventure e misteri che non traspaiono nelle pagine dei loro protagonisti, cioè dei libri una volta che vengono dati alle stampe. Sono qui raccontate le vicende dei libri di Malaparte, Flaiano, Chiara, Pratolini, Brancati, Berto, Rigoni Stern e Cassola e della nascita della Longanesi; tutte storie esemplari di un modo diverso di fare editoria, che ci permettono di leggere i libri forti di una quantità di informazioni che normalmente trascuriamo.
17

Libri e lettori nell'Italia repubblicana

Turi, Gabriele
Editore: Carocci
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto STORIA
Il mondo dell'editoria conosce ovunque, all'inizio del XXI secolo, un processo di concentrazione e di forte concorrenza internazionale. L'Italia non fa eccezione, come dimostra l'acquisto di RCS Libri da parte di Mondadori nel 2016, ma ha alcune caratteristiche che risalgono al periodo preunitario: marcate specificità regionali, ampia presenza di editori piccoli e medi, grande difficoltà nel creare "lettori", il cui numero rimane molto al di sotto di quello di altri paesi europei e ancora oggi ammonta a meno della metà della popolazione rispetto ai due terzi in Francia e in Germania. Gabriele Turi racconta la storia dell'editoria nell'Italia repubblicana rifiutando modelli di tipo sociologico, spesso astratti o generalizzanti, ma considerandone tutti gli aspetti in rapporto all'evoluzione della società, e mette in dubbio che dalla concentrazione derivi una inevitabile omologazione dei linguaggi.
18

Una vita da direttore editoriale

Pedrani Giovanni Maria
Editore: Il ciliegio
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
Quali segreti si annidano dietro una casa editrice? Qui troveremo le risposte alle consuete domande sul mondo editoriale che si pongono i lettori e soprattutto gli autori. Con uno stile scorrevole e leggero, senza la struttura del manuale ma integrato con schemi orientativi, il testo riesce a dare utili consigli, specialmente agli autori che desiderano vedere pubblicata la propria opera.
19

Un oggetto chiamato libro. Breve trattato di cultura del progetto

Baroni, Daniele
Editore: Longanesi
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto SOCIETA', COMUNICAZIONE, MASS MEDIA
Il saggio di Baroni è un viaggio nel libro inteso come oggetto fisico, un percorso storico volto a ripercorrere i cambiamenti sociali e culturali che hanno influito sul nostro modo di concepire e realizzare le componenti principali di ogni volume: dal frontespizio alla rilegatura, dal formato alla copertina. Un testo che, attraverso tre chiavi di lettura (l'architettura della pagina, il sistema dei segni e il sistema delle immagini), prende avvio dai tratti caratteristici degli incunaboli per arrivare alla stampa moderna e alla rivoluzione digitale.
20

Dalla stampa al digitale: aspetti di un disagio culturale-Print to digital: aspects of a cultural doscomfort

[Guardiani F. (cur.)]
Editore: Cesati
Reparto SCIENZE SOCIALI
Sottoreparto ECONOMIA
In un futuro non troppo lontano lettori curiosi e interessati troveranno questa raccolta di articoli di grande interesse, perché permetterà loro di avere una buona valutazione della crisi che ha attanagliato l'età della transizione dalla stampa al digitale. E la crisi di oggi, che ci impone di passare dalla predominanza dei libri cartacei all'uso della tecnologia digitale. Sebbene il libro abbia cessato di essere il nostro contenitore principale di conoscenza e di trasmissione culturale, esso continua a servire come il nostro mezzo di insegnamento primario, e in particolare nelle università. Come hanno reagito i nostri insegnanti universitari a questa crisi? Come e che cosa stanno insegnando? Hanno modificato in qualche modo i loro corsi? Ecco un esempio dell'orientamento del loro lavoro in questa fase critica della nostra cultura.

Pubblicato in DATI il 13/09/2019